“Corporate Entrepreneurship” alla quarta edizione: come prepararsi alle future crisi, investire in business alternativi e diventare resilienti e competitivi | Gellify

“Corporate Entrepreneurship” alla quarta edizione: come prepararsi alle future crisi, investire in business alternativi e diventare resilienti e competitivi

Come si può iniziare a lavorare oggi per migliorare nei prossimi anni il vantaggio competitivo delle aziende ed incrementare la redditività delle organizzazioni?

Nello scenario post-Covid questi temi saranno quanto mai attuali, ed è per questo che GELLIFY ha deciso di incentrare intorno alle sfide del futuro il confronto tra i decision-makers a livello internazionale durante la quarta edizione dell’evento annuale della Business Community di GELLIFY che dallo scorso anno ha preso il nome di “Corporate Entrepreneurship”.

L’edizione 2020 si terrà online in due date, il 9 ed 11 Novembre e vedrà coinvolti alcuni tra gli speaker più competenti e visionari a livello internazionale sui temi del Corporate Venture Capital, del Venture Building e della diffusione di una cultura imprenditoriale all’interno delle organizzazioni, i quali condivideranno le loro esperienze ed intuizioni su queste tematiche con manager con funzioni di responsabilità all’interno di imprese medio-grandi internazionali, imprenditori, Innovation Manager e professionisti selezionati che stanno studiando best practice da implementare all’interno delle proprie aziende.

Accenture Italia si conferma main partner dell’edizione di quest’anno a cui si aggiungono in qualità di partner strategici Studio legale Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners, Kaspersky, Studio di consulenza tributaria Pirola Pennuto Zei & Associati.

Le due giornate di confronto torneranno dunque ad essere occasione per la  Community B2B di GELLIFY di condivisione di esperienze e punti di vista tra Paesi e continenti differenti tra manager, imprenditori e ricercatori di respiro internazionale riguardo modelli di sviluppo e crescita per le aziende consolidate che stanno operando nell’ambito dell’economia tradizionale, ma che hanno anche una visione per il proprio futuro nei mercati internazionali o la stanno progettando.

Il Corporate VC, ovvero l’apporto di capitale di rischio da parte di aziende medio-grandi per finanziare l’avvio di una NewCo o startup, si trova in una fase di rapida ascesa in termini di investimenti, con oltre 50 miliardi di dollari di capitali impiegati dalle aziende solo nel 2018. L’aumento delle spese in conto capitale (CapEx) di CVC tra il 2013 e il 2018 è stato del 400%, secondo i dati del team di ricerca “Corporate Venturing Research” della Tilburg University (Olanda). Sempre la stessa fonte parla di almeno 264 nuovi Corporate VC creati nel 2018 a livello mondo ed alcune fonti suggeriscono, che negli USA, circa la metà di tutte le operazioni ha coinvolto sinora un CVC di tipo strategico, il quale ha una visione del ritorno sugli investimenti non meramente numerica, bensì estesa al valore dell’innovazione generata e di cui potrebbe beneficiare anche la società madre.

Questo aumento è stato trainato da due fattori. In prima istanza il panorama tecnologico sta evolvendo a ritmi sempre più rapidi e le aziende consolidate sono al corrente della necessità di dover innovare più velocemente per soddisfare la domanda dei mercati. Inoltre il numero di startup alla ricerca di capitali da CVC è in crescita, i fondatori guardano oltre i tradizionali fondi di venture capital e sono alla ricerca di partner che possano non sono finanziarli ma anche supportarli strategicamente nella crescita del business. Tra gli addetti ai lavori si comincia inoltre a riscontrare un certo limite nelle operazioni di M&A, un tempo conosciute come strumento principale per ampliare il business esistente generando crescita inorganica. Il limite oggi può consistere sia a livello di opportunità finanziarie sia a livello di rischio di “deriva” del business in termini di mancanza di competenze interne all’azienda nell’integrazione dei team derivanti da questo tipo di operazioni.

In questa cornice si inseriscono le due sessioni online che saranno suddivise in 4 tavole rotonde.

Durante la prima sessione del 9 novembre si approfondiranno i contesti in cui si possono abilitare le iniziative imprenditoriali all’interno delle organizzazioni; verranno presentate e condivise storie ed esperienze concrete di creazione di NewCo da parte di aziende consolidate, oltre a relative buone pratiche e sfide affrontate.
La sessione sarà suddivisa in due tavole rotonde. La prima sarà focalizzata sulla cultura dell’imprenditività (intrapreneurship), cioè quella capacità delle persone e dei team, anche interfunzionali, di ideare e realizzare progetti che possano permettere all’azienda di occupare nuove aree di business in termini di nuovi prodotti o NewCo. Ne discuteranno Fernando Impuesto, General Manager Enagás, Óscar Gil Gonzalo, Global IT Innovation Manager Nestlé, Giovanni Brianza, Executive Vice President – Strategy, Corporate Development and Innovation Edison e Stefano Trombetta, Managing Director, Accenture Strategy & Consulting, Talent & Organization ICEG Lead at Accenture, in una tavola rotonda moderata da Diego Fernandez, CEO e Co-Founder GELLIFY Iberia.

La seconda tavola rotonda sarà incentrata sulle modalità di creazione e finanziamento di nuovi business che abbiano benefici duraturi nel medio-lungo periodo. Interverranno Michele Poggipolini, Executive Director Poggipolini, Valeria Scargetta Managing Director NUO Digital Company del Gruppo Falck, Carmen del Campo Elvira, Innovation Director Mutua Madrileña, Vitaly Mzokov, Responsabile dell’Innovation Hub (iHub) di Kaspersky, in una tavola rotonda moderata da Michele Giordani, Founder e Managing Partner GELLIFY.

Durante la seconda sessione dell’11 novembre si approfondirà cosa significa per un’azienda creare un “braccio” di Corporate Venturing, ovvero dotarsi di una struttura interna che generi nuovi business all’interno di un’organizzazione già esistente, e l’impatto che si può generare sulle aziende nel passaggio verso il loro futuro core business. Saranno riproposte le basi del Corporate Venturing nel più ampio contesto dell’Open Innovation, anche nell’ottica della più recente letteratura accademica a riguardo. Verranno condivisi spunti e buone prassi da dirigenti e manager di aziende corporate che ne hanno già avuto esperienza.

La prima tavola rotonda di questa sessione sarà strutturata come una vera e propria guida, in diretta, al Corporate Venturing e all’Open Innovation e vedrà l’intervento di Josemaria Siota, Executive Director IESE Business School e Laura Scaramella, Partner di CDP Venture Capital SGR – Fondo Nazionale Innovazione, con la moderazione di Massimo Cannizzo, CEO e Founder GELLIFY Middle East.

La seconda tavola rotonda si focalizzerà sugli scenari e le prospettive del Corporate Venturing nei prossimi 20 anni, sarà co-moderata da Michele Giordani, Founder e Managing Partner GELLIFY e Sandro Bacan, Innovation Lead Accenture Italy, Central Europe and Greece, e vedrà come relatori Diego Díaz Pilas, Head of New Ventures and Technology Prospects Iberdrola, Gil Beyda, Managing Director Comcast Ventures e Founder and Managing Partner Genacast Ventures, Omar Al Sharif, Director of Partner Programmes Wamda Capital, Neil Ford, Former Head of Innovation Hub Al-Futtaim Group.

“GELLIFY è orgogliosa di proporre agli innovatori di tutto il mondo la quarta edizione del proprio flagship event che per il secondo anno di fila si focalizzerà

sulla Corporate Entrepreneurship. Vi forniremo gli strumenti per creare una cultura imprenditiva che si adatti a qualsiasi condizione economica e di mercato, creare nuovi business, innovare il vostro modello di business e fare leva sui modelli di CVC per investire portando innovazione dall’esterno verso l’interno delle vostre organizzazioni, garantendo a quest’ultime di prosperare nel futuro. afferma Andrea Landini, Managing Partner e Head of Community di GELLIFYAll’edizione 2020 si uniranno relatori provenienti da fondi di Corporate Venture Capital e intrapreneur di tutto il mondo. Avremo un parterre di relatori davvero unico: avremo ospiti che lavorano su programmi consolidati e con una lunga storia negli USA. Avremo con noi esperti provenienti da fondi dell’Europa meridionale che sanno non solo come sopravvivere, ma anche prosperare, nei nuovi scenari economici. Parleremo con CVC in piena espansione e con centri di innovazione dei mercati emergenti del Medio Oriente. Abbiamo coinvolto così tanti relatori interessanti e che non vediamo l’ora di presentarvi, che abbiamo deciso di lanciare una serie di video per condividere con voi tutte le loro storie e i loro consigli esclusivi per voi. Sintonizzatevi sui nostri canali nei giorni immediatamente successivi a “Corporate Entrepreneurship” per ricevere nuovi esclusivi approfondimenti video giornalieri. L’evento di quest’anno è gratuito ma esclusivo: assicuratevi quindi di fare richiesta sul nostro sito per poter essere ammessi a partecipare!”

Tra l’11 e il 20 novembre verranno pubblicate quotidianamente delle pillole video formative su Venture Building e Corporate Venture Capital a cura di manager con consolidata esperienza alle spalle su questi temi.

Come CVC, facciamo molto di più che gestire round e trovare ulteriori investimenti per le giovani imprese. – afferma Gil Beyda, Managing Director Comcast Ventures e fondatore e Managing Partner Genacast Ventures Creiamo connessioni win-win che possano portare a nuove partnership, nuovi clienti, a volte anche il primo. Mettiamo in contatto le persone con alcune delle menti più brillanti del settore. Abbiamo esperienza operativa, un motore di crescita (Forecast Labs), relazioni a livello corporate, accesso alla pubblicità televisiva ed altro ancora. Le startup non lavorano solo con le business unit, ma anche nel back office”, afferma Gil Beyda, Amministratore Delegato di Comcast Ventures e Fondatore e socio amministratore di Genacast Ventures.

É oggi logico pensare al CVC come ad un nuovo Private Equity. Non un mero microcosmo di investitori di seconda fascia che gettano il gettone su una start-up come su un numero alla roulette, ma veri investitori. – ci racconta Federico Dettori, Partner dello Studio legale Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners – Sono soggetti che muovono dalle logiche del classico PE e che, forti dell’esperienza maturata nell’ambito della grande industria o delle migliori istituzioni finanziarie mettono le proprie competenze e, spesso la loro liquidità, a disposizione di un complesso lavoro di selezione di opportunità di impresa non ancora consolidate. Nel corso di questo processo osmotico questi soggetti si arricchiscono della relazione con i giovani imprenditori riuscendo ad innovare, da un lato il tradizionale processo di acquisizione nell’ambito M&A in termini di efficienza, velocità e contenimento dei costi, dall’altro il sistema di Corporate Governance nei target di investimento.”

Come forte sostenitore dell’innovazione, Kaspersky è alla costante ricerca di nuove idee e tecnologie. Lo scorso anno abbiamo creato uno centro di competenza dedicatoil Kaspersky Innovation Hub – per scovare, validare, valorizzare e far crescere le startup con le tecnologie più avanzate e dirompenti. Collaboriamo con quei team che condividono i nostri valori e che mirano a rendere il pianeta un luogo migliore e più sicuro. Siamo lieti di essere ospiti di Corporate Entrepreneurship 2020 di GELLIFY e di contribuire allo sviluppo del dialogo tra aziende e startup, oltre a favorire la collaborazione con progetti tecnologici innovativi“, afferma Vitaly Mzokov, Responsabile dell’Innovation Hub (iHub) di Kaspersky.

AGENDA:

9 Novembre, h. 14.30-15.30 CET – New Business Building: How to Create New Ventures with Lasting Benefits

CANDIDATI QUI

 

11 Novembre, h. 14.30-15.30 CET – How to Innovate for the Future by Using Corporate Venturing Models

CANDIDATI QUI

Condividi su:
Title

Ricevi le nostre comunicazioni

per partecipare ai nostri eventi e rimanere aggiornato sulle iniziative della nostra community

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER