GELLIFY annuncia la exit di una società del proprio portafoglio di investimenti. Si tratta di Deus Technology, principale enabler italiano del mondo fintech che permette a banche e società di gestione del risparmio di automatizzare i processi di consulenza ed investimento.

L’operazione di acquisizione al 100% è stata perfezionata ad opera di Engineering, alla quale GELLIFY ha ceduto la propria quota investita nel capitale dell’azienda in ottobre 2018.

Fondata nel 2010 da Paolo Galli, CEO & Co-Founder e da Pasquale Orlando, CMO & Co-Founder, Deus Technology sviluppa tecnologie per gli investimenti finanziari, operando nell’ambito delle decisioni di investimento che possono beneficiare del contributo della tecnologia per divenire digitali ed automatizzate.

Pasquale Orlando
Pasquale Orlando, CMO & Co-Founder Deus Technology

Si tratta dell’unica realtà Fintech italiana inserita nel 2017 dal Financial Times tra le 1000 aziende europee con il più alto tasso di crescita nel periodo compreso tra il 2012 e il 2015.

“In questo ultimo anno Deus Technology ha condiviso insieme a noi una vision innovativa che ha rafforzato il nostro bouquet di scaleup e startup nell’ambito delle tecnologie applicate al mondo finanziario. – dichiara Fabio Nalucci, CEO e founder di GELLIFY – La conferma arriva da un attore di riferimento come Engineering che ha identificato nell’expertise di Deus Technology un ulteriore punto di forza per l’offerta rivolta al mondo bancario e pensata per far crescere i clienti contestualmente all’esponenziale sviluppo dei servizi fintech”.

Deus propone sul mercato tecnologie e competenze per supportare la necessaria evoluzione dei servizi di consulenza verso il Digital Wealth Advisory ovvero un ecosistema digitale di prodotti, servizi e funzionalità per erogare consulenza personalizzata o standardizzata (roboadvisory).

Con un team che oggi conta 50 professionisti, Deus ha saputo conquistarsi un ruolo di leadership nel mercato italiano del fintech applicato al Wealth Management, acquisendo come clienti più di 30 tra i principali gruppi bancari e finanziari.

Condividi su: