Con soddisfazione annunciamo oggi l’ingresso nel nostro portafoglio e programma di gellificazione di SCYTALE, startup specializzata nello sviluppo di soluzioni di crittografia avanzata, firma elettronica ed autenticazione su protocollo blockchain.

Per guardare oltre le mode, Scytale opera nel settore della blockchain da qualche anno, nel rispetto di tecnologie e protocolli informatici che usano un registro condiviso, distribuito, replicabile, accessibile simultaneamente e architetturalmente decentralizzato su basi crittografiche. Tali aspetti consentono la registrazione, la convalida e l’aggiornamento e l’archiviazione di dati sia in chiaro che ulteriormente protetti da crittografia verificabili da ciascun partecipante, non alterabili e non modificabili.

In questo ambito è nata SignChain, piattaforma di firma elettronica avanzata basata su blockchain conforme al regolamento eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature).

Questa piattaforma consente in modo univoco di associare un’identità crittografica a un set di chiavi private, salvate, sempre verificabili e trasparenti, su una blockchain, terza parte fidata.

Il documento firmato con SignChain è quindi come fosse stato firmato davanti a un notaio virtuale che garantisce la sua integrità, immodificabilità e dimostrabilità di essere certamente esistente nella data in cui è stato firmato.

In poche parole il documento è stato «notarizzato».

 

Con i prodotti sviluppati da Scytale la blockchain diventa così una tecnologia trasparente e sicura che produce oggetti inalterabili.

Grazie a questi presupposti, Aldo Peter Lo Castro, esperto di blockchain, Managing Partner e Chief Technical Officer di Scytale prende parte a due importanti commissioni, rispettivamente nazionale e internazionale:

  •  il gruppo di lavoro che affianca i tecnici del Ministero dello Sviluppo economico (MISE) nel mettere a  punto le strategie nazionali su blockchain e firma elettronica avanzata e
  •  il comitato tecnico per gli standard internazionali della blockchain applicata all’IoT.

L’ingresso di Scytale nel portafoglio di GELLIFY rappresenta il primo investimento in una startup blockchain su un tema rilevante come la firma elettronica avanzata – dichiara Fabio Nalucci, CEO e Founder di GELLIFY – rafforzando il nostro bouquet di scaleup e startup nell’ambito delle tecnologie fintech”.

GELLIFY ci è sembrato un interlocutore perfetto per favorire la nostra crescita – dichiara Enrico Alberini, CEO di Scytale. – L’operazione rappresenta un passo importante per dare nuovo impulso e accelerazione alla nostra organizzazione, grazie alla specializzazione di GELLIFY nel supportare lo scaling delle start up del mondo Software B2B”.

Condividi su: